[overview] Domanda di gruppo: Qual è l'effetto dell'auto-giudizio sul flusso di amore/luce attraverso i nostri centri energetici?

(Canalizza Jim)

Io sono Q'uo e saluto ciascuno nell'amore e nella luce dell'Uno Infinito Creatore. Siamo onorati questa sera di essere chiamati al vostro incontro per rispondere alla domanda della serata. Prima di farlo, vi chiediamo il nostro perpetuo favore, e cioè che prendiate le parole e i concetti che vi offriamo e li usiate in qualunque modo abbia significato per voi. E se ce ne sono alcuni che non hanno significato in questo momento, vi preghiamo di metterli da parte e di non preoccuparvi di essi, poiché siamo vostri fratelli e sorelle che desiderano servire, e possiamo servire al massimo delle nostre capacità quando fate come vi chiediamo e vi rendete conto che non siamo un'autorità suprema, con ogni parola che deve essere creduta.

E ora, per la domanda, troviamo che voi abbiate chiesto una domanda che ha un'applicazione universale per tutti i cercatori di verità. L'auto-giudizio è una caratteristica di ogni cercatore di verità ad un certo punto nel suo viaggio di ricerca per essere di servizio agli altri e dell'Uno Creatore che esiste all'interno di ogni entità e di ogni porzione della creazione. L'auto-giudizio è qualcosa che è uno stadio attraverso il quale ogni cercatore deve necessariamente passare, poiché spetta a ogni cercatore nel suo inizio di ricerca e di servizio agli altri considerare come sia in grado di farlo. Quali sono i suoi punti di forza e di debolezza? Quali caratteristiche del cercatore classico, diciamo, possono essere incarnate in un particolare cercatore?

È ciò che ogni cercatore considera all'inizio del viaggio e anche di tanto in tanto mentre il viaggio procede. Poiché l'auto-giudizio, o l'auto-riflessione, è in qualche modo utile per determinare ciò che il cercatore sente come i propri punti di forza e di debolezza. E se questa valutazione viene affinata man mano che il tempo avanza, come lo chiamereste voi, allora il cercatore è in grado di fare un passo utile nella direzione della polarizzazione positiva quando usa i suoi punti di forza e cerca di migliorare quelli che considera punti deboli. Se questo può rimanere un processo oggettivo, in cui il cercatore è in grado di accettare sé stesso sia nei suoi punti di forza che in quelli di debolezza, allora è impegnato in una modalità auto-riflessiva di realizzazione cosciente che lo aiuterà a progredire nel suo essere di servizio agli altri e riconoscere il Creatore negli altri e il Creatore in sé. Poiché questi sono attributi spirituali, che tutti i cercatori e tutte le entità, che siano ricercatori coscienti o meno, condividono l'uno con l'altro. Poiché è nella natura della realtà che tutto è Uno, che ogni cercatore è il Creatore, che il Creatore esiste in ogni cercatore.

Tuttavia, siamo anche consapevoli che l'auto-giudizio è un processo che può facilmente andare storto. Perché se non ci si rende conto che ci sono passi che portano sempre avanti sul sentiero spirituale e si sente che al sé manca una qualche priorità nella propria valutazione delle proprie capacità, allora è più probabile che il cercatore abbia qualche difficoltà nel fare progressi, perché sarà catturato nella rete di confusione e di auto-giudizio che non accetta il sé, ma che vede il sé come inferiore a quello che dovrebbe essere. E se si rimane all'interno di un tale pantano di autovalutazione, il progresso viene rallentato fino in molti casi a fermarsi, e i vari centri energetici, o il sistema dei chakra, come potete anche chiamarli, saranno in qualche modo bloccati, concordemente alla stima del cercatore stesso dei propri fallimenti; il prodotto dell'auto-giudizio.

Questo è un processo o una fase di crescita che tutti i cercatori, a un certo punto, come abbiamo detto, si troveranno forse di tanto in tanto, a dover fare una valutazione più compassionevole del sé piuttosto che concentrarsi sul quadro orientato alla saggezza, diciamo, che è dipinto da un cercatore che non ha la compassione per vedere che tutte le qualità all'interno del complesso mente/corpo/spirito sono quelle che possono offrire progressi sul sentiero spirituale se si può vedere e accettare il sé per il fatto di avere ciascuna di queste qualità all'interno del suo stesso essere. Così il cercatore comincia a diventare sempre più il Creatore, perché c'è la percezione di ogni qualità che può essere sperimentata diventando sempre più della natura a 360° del Creatore che ogni cercatore cosciente della verità sta cercando di diventare.

È qui che inizi sempre di più a conoscere te stesso come un essere che ha ogni centro energetico come una piattaforma su cui stare e per esaminare il proprio essere interiore e accettare varie delle qualità che sono presenti nelle esperienze quotidiane con gli altri sé, illuminati dalle interazioni con altri sé. Quando il cercatore è in grado di accettare sé stesso, piuttosto che giudicare sé stesso e rifiutarsi, allora arriva a sapere sempre di più di essere l'Uno Creatore, poiché non c'è limite alla natura e alla capacità di esprimere varie porzioni di questa natura dell'Uno Creatore in ogni cercatore di verità.

A questo punto, trasferiremo questo contatto a colei nota come Trisha. Siamo quelli di Q'uo.

(Canalizza Trisha)

Noi siamo quelli Q'uo e ora siamo con questo strumento. Come lo strumento precedente è stato in grado di comunicare usando le nostre parole e la loro voce, l'atto di auto-giudizio è una parte intrinseca di questa illusione in questa densità che un'entità deve sperimentare. Tuttavia, attraverso questo strumento, riteniamo che sia un po' un divertente paradosso. Perché vedete, l'auto-giudizio mette intrinsecamente l'entità in una posizione in cui sta immaginando lui stesso, lei stessa, loro stessi come un individuo che esamina una qualità egoica, se vuoi, assegnando valore ai vari aspetti del sé senza incarnare pienamente il fatto che mentre l'ego si sente molto reale e l'entità sperimenta questa illusione come individuo, in realtà, l'entità è semplicemente un'estensione o un frammento imperfettamente perfetto dell'Uno Infinito Creatore. Sottolineiamo la frase "perfettamente imperfetto", perché potrebbe giungere alle tue orecchie come forse più accettabile della frase "squisitamente unico" o "perfettamente unico".

Questo atto egoistico, in mancanza di una parola migliore, che è auto-giudizio divide e allontana l'entità dalla verità della sua natura vivendo questa danza all'interno di questa illusione. È quando l'entità perde di vista la verità che il flusso di energia può essere bloccato all'interno dell'entità. È quando il sé aggiunge ulteriori dettagli alla sua identità, se vuoi - affermazioni di giudizio positive o negative - che si aggiungono detriti, se vuoi, al canale attraverso il quale si può sperimentare e manifestare la propria verità. Vi abbiamo sentito definirlo "bagaglio" e troviamo che sia un termine appropriato, che diventa questo peso extra, questo fardello extra che il sé sente di dover portare, per il quale il sé lotta per trovare un modo per lasciarlo andare.

Sottolineiamo ancora una volta che anche il giudizio non deve necessariamente essere di natura negativa. Il giudizio può essere anche positivo, e comunque si manifesti, sia esso una sana manifestazione di orgoglio o di senso di realizzazione, mentre può agire da balsamo per il cuore dell'entità, che diciamo ancora una volta essere una bella cosa, per quanto può sembrarti un'esperienza difficile nella tua illusione, è ancora una volta un allontanamento dalla verità del sé dal Creatore.

Mentre parliamo attraverso questo strumento, ci rendiamo conto che questa può essere una linea di pensiero confusa, che potrebbe essere salutare vedersi con critiche gentili o lodi gentili, in quanto può portare all'evoluzione spirituale, e siamo assolutamente d'accordo con questo. Stiamo semplicemente evidenziando che è ancora solo un'illusione, è ancora questa danza, questo compito di identità unica che tu sei tu, e io sono io, e loro sono loro, senza onorare, correggiamo questo strumento, senza esprimere pienamente la verità dell’interconnessione che è la filosofia che noi sentiamo essere la verità.

Come lo strumento precedente ha affermato, l'accettazione è davvero la chiave qui. Accettare il sé per le sue varie azioni, pensieri e sentimenti, comprenderli, amarli, imparare da loro, ma sempre al centro, accettarli è vitale per il mantenimento, se vuoi, di un chiaro canale di amore e luce attraverso ciascuna anima, ciascuna entità.

Forse chiederemmo al sé come si può dare pienamente amore e luce, come essere pienamente il sé completo, la piena estensione del Creatore, la piena incarnazione del Creatore se ci sono limiti, limitazioni e barriere che deviano il flusso o creano disturbo? Questo è ciò che l'auto-giudizio e la non accettazione possono creare. Può ostruire, può indebolire, può deviare il flusso della verità che è l'energia che tu sei. Può offuscare la luce che è l'espressione del sé. Può colorare la bellezza dell'espressione del sé. Quindi, di nuovo, l'accettazione e l'amore e la conoscenza della verità del sé, l'essere gentili e il perdono e la comprensione del sé, non solo funzionano per cancellare il flusso di energia attraverso l'entità, attraverso l'anima, attraverso il cuore, ma concedono anche al sé la sua più potente opportunità di esprimere la propria vitalità, la propria vera bellezza, la propria vera perfezione.

Questo strumento si sente letargico e insicuro, auto-giudicante forse, in questo momento, e con gentilezza, compassione e gratitudine per questo tentativo, rilascerà questo contatto e noi ci trasferiremo a colui noto come Gary. Siamo quelli di Q'uo.

(Canalizza Gary)

Siamo quelli a voi noti come i principali di Q'uo e salutiamo questo circolo ancora una volta attraverso questo strumento, che soffre di alcuni dubbi su sé stesso come residuo della sua precedente prestazione come strumento e cerca qualcosa come riscaldamento del suo strumento prima di affrontare la questione. Quindi, vorremmo parlare della nostra gioia per questa opportunità di essere in grado di fondere le nostre energie con le vostre come un'onda portante che trasferiamo nella vostra posizione e nel vostro spazio/tempo e tempo/spazio. Questo non è semplicemente un raggio unidirezionale, diciamo, ma uno scambio di energie a due vie mentre danziamo nell'intenzione condivisa di essere umilmente di servizio agli altri tentando di dare voce alla via del Creatore in un'illusione.

E questa sera, nel vostro tempo, esplorerete o... correggiamo questo strumento... continuerete ad esplorare quel modello tenace e talvolta insidioso di auto-giudizio che è così diffuso in un'illusione che non ha impostato la propria bussola collettiva sulla ricerca della verità, ma si è invece accontentato di molti altri modi per tentare di valorizzare e valutare il posto del sé nella società e la desiderabilità nei confronti degli altri e la capacità di eseguire, di raggiungere, di ottenere approvazione.

Questi criteri, o sistemi frammentati di valutazione, tengono raramente conto della perfezione intrinseca del sé, la perfezione che non esiste semplicemente sotto qualunque distorsione del sé, ma la perfezione che si manifesta anche come i particolari squilibri e blocchi con cui il sé lavora, o con cui vive, su base quotidiana. I sistemi di valutazione del vostro popolo non danno spazio, in generale, alla natura divina del sé e dell'altro sé, e al vero scopo dell'esperienza e del viaggio della vita.

Questi sistemi di valutazione hanno una cecità collettiva, per così dire, costruita da e per l'illusione; non guardano oltre. E ci sono molto dolore e sofferenza generati in questi modi di vedere, perché rimbalzano e rimbalzano attraverso il tuo mondo attraverso più voci e innumerevoli forme di messaggistica, con cui ognuno all'interno della vostra sfera è assolutamente bombardato, che parlano di come il sé sia fondamentalmente indegno e può raggiungere un certo valore agli occhi della società attraverso l'acquisizione, spesso associata all'aspetto dell'entità o forse al comportamento, al comportamento accettabile o al comportamento desiderabile dell'entità; o i beni materiali o qualche altro modo con cui si diventa elevati agli occhi degli altri, accettabili agli occhi degli altri. E molti dei vostri popoli, quindi, spendono grandi quantità di energia, anche vite, inseguendo quegli obiettivi sfuggenti, cercando l'accettazione dal prossimo o dalla società più ampia.

In un certo senso, è l'inseguimento di un miraggio, per molteplici ragioni, tra cui, come abbiamo descritto, i limiti e la cecità di queste misurazioni della temperatura del sé, [insieme alla] natura socialmente costruita di questi modi mutevoli di valutare il sé laddove una cultura può sostenere una forma di comportamento o aspetto e l'altra cultura il suo opposto, forse. Ma è anche un miraggio inseguire questa accettazione, e ingegnarsi in modo da conformarsi a questi standard e queste regole, perché il sé cerca di guadagnare fuori da sé ciò a cui si può accedere e che può essere consentito solo interiormente, a livello interiore, diciamo. Perché non sono tanto gli altri che giudicano il sé, in qualunque modo ciò possa accadere, ma è piuttosto l'interiorizzazione che il sé ha compiuto del giudizio degli altri, reali o immaginari. È l'interiorizzazione che il sé, la vostra entità di terza densità, ha assorbito dal suo ambiente, sia essa correttamente appresa o fraintesa. In entrambi i casi, ciò che viene percepito come i valori del mondo diventano i propri, e nel funzionamento del sé, il sé viene costantemente misurato rispetto a questi standard. Ed ecco, con grande sorpresa, come potrebbe dire questo strumento, si scopre che il sé viene a mancare in vari modi, non avendo soddisfatto lo standard e quindi non essendo accettabile.

Questi processi vengono ripetuti così spesso nella vita dell'entità, e spesso così inconsapevolmente, davvero, [e forse anche] riportati da vite passate, che vengono incisi nei funzionamenti dell'entità, diventando una parte della sua composizione o configurazione, dovremmo dire, che si presenterebbe nel vostro sistema energetico come un blocco, uno squilibrio e un’attenuazione della luminosità disponibile attraverso ogni chakra. Vale a dire, che l'auto-giudizio potrebbe non essere sempre un'attività intrapresa consapevolmente. Il sé in un momento della sua esperienza potrebbe non pensare consapevolmente: "Sono indegno", "Non appartengo a questo luogo", "Sono inaccettabile", in qualunque modo tali energie possano essere articolate da un'entità, ma piuttosto questi ingranaggi stanno spesso operando in background.

E l'entità senza alcuna consapevolezza, o con consapevolezza debole, o consapevolezza acuta, può sperimentare la sintomatologia di questi programmi all'interno del sé, che spesso hanno radici nel subconscio. E mancando di consapevolezza, l'entità può essere confusa circa il proprio dolore, la propria identità, perché cerca questo amore e questa accettazione da parte degli altri, o perché cerca di conformarsi o plasmare il sé allo scopo di ottenere ciò che si cerca senza rendersi conto, attraverso l'autocoscienza, che è il sé che giudica sé stesso; che ci sono programmi all'interno del sé messi in atto dall'entità innocente e inconsapevole che informa il sé che è davvero accettabile essere sé stesso, per una ragione o per l'altra. È esclusa dal gruppo, non ha il permesso di risplendere, di irradiare, di sentirsi intera o a casa, di essere autentica, di essere vulnerabile, di parlare con questa persona, di essere degna.

Inconsapevole, questa entità è, che la sua stessa programmazione [diventa] come una diga contro un fiume che letteralmente blocca il flusso dell'Amore e della Luce del Creatore, che in assenza di detta diga fluirebbero nel sistema in un abbraccio della visione del Creatore dell'incarnato stesso, che è di amore infinito. Non esiste uno standard di bellezza, diciamo, che provenga dal Creatore. Non è possibile essere brutti agli occhi del Creatore, essere caduti o infelici. Non c'è modo di essere scacciati nel contesto dell'infinito, perché quelli di Ra hanno detto che una unità non può ripudiare nulla, perché l'unità contiene tutto ciò che c'è.

Se si può immaginare il genitore e l’amato figlio, e con quale purezza, devozione assoluta e amore senza riserve e incondizionato questo genitore può avere per questo figlio, è solo un piccolo spiraglio di finestra sull'infinita profondità dell'amore che il Creatore ha per quella parte di Sé che crede di essere un'entità separata all'interno dell'incarnazione. Si può permettere a questo amore di incontrare il sé al livello del raggio rosso, al livello del raggio arancione, al raggio giallo e verso l'alto, e ogni porzione dell'identità che è centrata o si interseca con questi centri e i loro equilibri - se è il modo in cui parla il sé, se è il livello di intelligenza percepita, come potresti chiamarla, dell'entità, se è ciò che possiedono o non possiedono, o se è la loro capacità, in questo o in quel modo.

Quando gli occhi dell'auto-giudizio, o i programmi dell'auto-giudizio sono stati guariti o resi trasparenti, la luce del Creatore può risplendere attraverso il sé per ottenere un'immagine più chiara di questi vari aspetti del guscio della personalità, e la sua biografia, il suo viaggio. Perché senza questi occhi chiari, resi chiari solo con l'amore e la guarigione del giudizio, il sé ha un'immagine molto confusa di sé; e mancando di chiarezza, il sé probabilmente opererà in modi che mancano l'obiettivo, per così dire, nella misura in cui l'entità non è impegnata nel lavoro di auto-perdono ma sta lavorando per soddisfare le ombre con le ombre, sta lavorando per ottenere e ricevere invece di focalizzarsi sulla condivisione e sul dare che può venire infinitamente attraverso un sé che è arrivato ad accettare il suo essere.

In termini di guarigione di quell'auto-giudizio e di fare quel lavoro di accettazione di sé, come sempre vorremmo incoraggiare il cercatore a trascorrere del tempo ogni giorno nel silenzio. Quei programmi di cui abbiamo parlato e quei pensieri che si sono impossessati della vostra mente hanno un modo di impadronirsi, diciamo, del complesso mente/corpo/spirito, seducendolo nell'inconscio, nell'identificazione inconscia con schemi mentali che funzionano da soli. Il tempo passato in silenzio è la chiave per prendere la necessaria distanza per prendere coscienza del funzionamento di questi programmi e di questi pensieri.

E [incoraggeremmo il cercatore] a radicare il sé nella contemplazione del sé in quanto Creatore. È solo dal Creatore che può venire questa vera accettazione di sé. L'accettazione del Creatore viene irradiata nella tua illusione attraverso vari dispositivi, forse l'abbraccio di tua madre, gli occhi di tuo padre, le cure del tuo amato, che possono darti un chiaro riflesso di te stesso, ma alla fine, il sé deve trascorrere del tempo con il Creatore nel suo stesso cuore, al di fuori dei valori dell'illusione, diciamo.

C'è molto tormento dentro di voi, cari amici di terza densità, dove negate inconsapevolmente la vostra vera natura attraverso questa facoltà di auto-giudizio. In un certo senso potreste vederlo come un atto di danno al sé, sebbene sia un catalizzatore potente ed endemico che, se usato, alla fine stimola un viaggio verso l'Unico Creatore. Ma è forse una delle cose più difficili che incontrerete nel vostro viaggio: rilasciare ciò che è così profondamente radicato nel vostro pensiero, l'auto-giudizio che ritenete giusto limitare il sé in questo modo. Non è qualcosa che vi accade, di per sé, ma fa parte, spesso, della struttura della vostra identità. Per certi versi è efficace quanto un muro. Ma il modo in cui quella barriera viene giù è attraverso l'amore, la contemplazione dell'amore, permettendo al sé di amare e apprezzare il sé.

Può iniziare con l'intenzione e con l'agire come se il sé amasse sé stesso. Può includere il lavoro sulla presa di coscienza dei modi in cui questi programmi operano all'interno del sé tra le molte, molte strade aperte a voi, incluso nel lavorare con gli altri e condividere autenticamente con gli altri i processi in corso dentro di voi, i dolori e le gioie della vostra esperienza interiore, e la fiducia che ciò che state vivendo è valido e degno, e fa parte del materiale per la vostra stessa crescita.

Puntate le vostre intenzioni, amici miei, su questa accettazione di voi stessi. Il sé non incontra il Creatore interiore diventando degno, ma piuttosto, realizzando che il sé è già degno, già perdonato, come il sé è. Più il sé può dimorare in questo stato di perdono e redenzione, più il Creatore interiore può risplendere e illuminare e rischiarare il vostro mondo e raggiungere i cuori degli altri, offrendo loro una finestra sulle possibilità di liberare i propri cuori e le proprie menti dalle mura interne della prigione dell'auto-giudizio. Il Creatore non vi giudica. L'universo non vi giudica. Sono solo i vostri pensieri; ed è in vostro potere guarire e rilasciare quei pensieri nella contemplazione della verità dell'Uno Infinito Creatore.

In questo momento, ringraziamo questo strumento per il suo servizio e trasferiamo il nostro contatto a colui noto come Jim. Noi siamo quelli che conosci come Q'uo.

(Canalizza Jim)

Sono Q'uo e sono di nuovo con questo strumento. Questa sera abbiamo trovato molto di cui rallegrarci rispetto a quanto abbiamo fatto in molte sessioni precedenti, poiché abbiamo la sensazione che non solo ci sia stata un'accurata trasmissione delle nostre parole e dei nostri pensieri, ma anche la ricezione all’interno del sé di queste parole e di questi pensieri di auto-accettazione che superano l'auto-giudizio, affinché vi sia possibilità di guarigione non solo per gli strumenti qui raccolti questa sera, ma anche per coloro che leggeranno queste parole e le accoglieranno nel proprio essere, perché vi sia un possibilità di una grande guarigione che emani tra i lettori di queste trascrizioni e siamo molto grati di essere parte di questo processo di guarigione. Ringraziamo ogni strumento per la sua parte del nostro processo di proiezione dei nostri pensieri e delle nostre parole verso di voi. Siamo molto grati per i vostri viaggi di ricerca perché illuminano una grande parte del nostro essere in quanto noi siamo un tutt’uno con voi e con il viaggio che stiamo facendo tutti per tornare all'unità con l'Uno Infinito Creatore.

In questo momento, ci congediamo da questo strumento e da questo gruppo, ringraziando come sempre ciascuno per il suo amore eterno e per la sua proiezione come luce verso quelli intorno a loro. Siamo noti a voi come quelli di Q'uo. Adonai vasu borragus.


  1. [footnote start]

    A proposito di uno dei tanghi di Ra con gli egiziani, loro hanno detto: " Abbiamo parlato ad uno che ha ascoltato e capito e che era nella posizione di decretare la Legge dell’Uno. Tuttavia, i sacerdoti e la gente di quell’era hanno rapidamente distorto il nostro messaggio, privandolo, potremmo dire, della compassione con cui per sua stessa natura si dà forma all’unità. Dal momento che contiene tutto, non può ripudiare alcuno.”. 1.5

    [footnote end]