[overview] Argomenti: cosa intendeva Ra quando parlavano della purezza di Carla; speranza; la "geografia e geometria" della mente.

(Canalizza Jim)

Io sono Q'uo e saluto ciascuno in amore e luce. E questa sera, è nostro grande onore, ancora una volta, essere chiamati in questo gruppo per aiutare ciascuno a perfezionare l'abilità di canalizzare le parole della Confederazione che è stata il lavoro di questo gruppo per tanti anni. E ora, siamo stati onorati di essere con voi durante questi periodi di tempo e vi ringraziamo per la vostra dedizione a questo tipo di servizio. Noi, come sempre, veniamo nell'amore e nella luce dell'Uno Creatore, perché questo è tutto ciò che c'è. E troviamo che anche ognuno di voi si crogiola in quello stesso amore e luce. E insieme, desideriamo questa sera attraversare il tempo e lo spazio per stare con ciascuno di voi in modo che possiate pronunciare le parole che vi diamo in risposta alle domande che ci rivolgete.

Vi ricordiamo che non siamo autorità supreme e vi chiediamo di prendere quelle parole e quei pensieri che vi diamo... a ciascuno di voi... e di usarli se vi sono di beneficio in questo momento. Per favore lasciate da parte quelli che non hanno benefici per voi in questo momento. Se ci farete questo favore, come sapete, ci permetterà di parlare più liberamente, di rispondere alle domande che avete per noi. A questo punto, chiediamo se c'è una domanda con cui possiamo iniziare.

Ra ha detto: “Siamo stati in grado di contattare questo gruppo utilizzando questo strumento grazie alla purezza della dedizione di questo strumento al servizio dell'Uno Infinito Creatore, e anche per via della grande quantità di armonia e accettazione di cui gode ciascuno all'interno del gruppo.” 1 Non è stato l'unico caso di cui Ra ha parlato e in cui ha sottolineato la purezza della dedizione dello strumento al servizio dell'Uno Creatore.

Cosa intendeva Ra quando parlavano della purezza dello strumento? Come ha fatto Carla a diventare così pura nella sua dedizione al servizio? E come può il cercatore in generale fare altrettanto?

Io sono Q'uo e sono consapevole della tua domanda, fratello mio. Questa è una domanda che sta a cuore di questo particolare strumento. E cercheremo di parlare in un modo che non utilizzi lo speciale sentimento di unità con lo strumento che questo strumento ha sperimentato per molti di quelli che chiamate anni.

Quella conosciuta come Carla era stata di servizio in molti modi prima di servire come strumento per il contatto con Ra, poiché era una parte del suo modello di vita cercare qualsiasi mezzo con cui potesse essere di servizio agli altri. A partire da un'età molto giovane, quando è stata in grado di prendere parte alla situazione familiare e fornire quello che chiameresti il servizio di babysitter per i fratelli più piccoli nati nella sua famiglia. Qualche tempo dopo che era all'interno di questa illusione, questo desiderio di prendersi cura dei suoi fratelli più piccoli e di iniziare a servire la famiglia in vari modi è stato l'inizio del suo percorso di vita che aveva pianificato prima dell'incarnazione.

Ogni entità all'interno di questa illusione ha quelle scelte pre-incarnative che si manifestano come varie lezioni che possono aiutare ciascuno a diventare più polarizzato positivamente all'interno dell'incarnazione mentre viene vissuta anno dopo anno. E nel periodo di tempo in cui la vita è sperimentata all'interno dell'illusione di terza densità, ogni entità può quindi guardare dentro di sé per vedere quali tipi di modelli di esperienza o catalizzatore si sono resi evidenti durante la loro vita fino a questo punto. Queste scelte pre-incarnative cominceranno a farsi conoscere dal cercatore cosciente della verità in un modo che si ripete in quello che si può definire un modo circolare o a spirale in modo che vari ingredienti possano diventare una parte di un modello all'interno della vita in modo che si possa riconoscere le esperienze ripetute come il tipo di lezione su cui ci si può concentrare in qualche modo per fornire un servizio agli altri.

Man mano che colei conosciuta come Carla progrediva nei suoi anni, è stata in grado di continuare a guardare alle varie opportunità che le si presentavano per essere di servizio per gli altri. Ce n'erano molti che si ripetevano in un modo che le rendeva chiaro che l'Uno Creatore si stesse muovendo all'interno del suo flusso di vita in un modo che le dava opportunità crescenti di essere di servizio agli altri, sia che fosse nel modello di vita della prima relazione di coppia, o di cantare musica che fosse edificante e ispirante per gli altri; o che fosse come una relazione successiva sviluppata con colui noto come Don: iniziare a fondere le loro energie nel modo in cui questo tipo di esperienza di canalizzazione in cui siamo ora impegnati fosse condiviso tra loro, e con altri all'interno del loro gruppo, così che la filosofia della Confederazione, come potete chiamarla voi, potesse essere condivisa su una scala più ampia e diventare un mezzo attraverso il quale altri cercatori della verità potessero accrescere le loro comprensioni filosofiche di come il modello di vita, che era individuale per loro, potesse essere perseguito in un modo che fosse anche di servizio per gli altri.

Poiché questa illusione in cui voi ora abitate è quel luogo o punto di scelta all'interno del modello di vita di tutte le entità di terza densità. Questa è la densità della Scelta, diciamo, così che ci sia la decisione cosciente da parte di quei cercatori coscienti che desiderano polarizzarsi nel senso positivo che permetterebbe loro di continuare ad essere di maggior servizio agli altri, e in modi diversi poi anche questo servizio potrebbe essere offerto.

Quella nota come Carla aveva sviluppato la capacità di servire come strumento grazie al lavoro con quello noto come Don. Questo tentativo di condividere la filosofia della Confederazione è stato perseguito per alcuni anni come suo principale mezzo di servizio in modo che fosse in grado ad un certo punto all’interno dello schema di vita di offrirsi come strumento per pronunciare le parole che quelli di Ra erano in grado di fornirle in stato di trance, come lo potreste definire voi. Questo tipo di offerta del sé all'Uno Creatore si era espanso dal contatto iniziale di Hatonn di quarta densità che ha offerto il consiglio che l'amore è l'obiettivo di questa illusione di terza densità, di aprire il cuore all'amore incondizionato al fine di compiere quella che voi chiamereste graduazione o raccolto. Quindi è stata in grado di accelerare il tipo di canalizzazione in quelli di Lattwi della quinta densità in modo che la saggezza della luce del Creatore potesse dare una panoramica più ampia all'esperienza dell'amore e alla scelta del servizio agli altri. Così, quando la progressione dell'esperienza di canalizzazione si è spostata verso quelli di Ra, è stata in grado di rendersi disponibile a quelli di Ra che sarebbero poi stati in grado di fondere o bilanciare le canalizzazioni iniziali dell'amore con le canalizzazioni intermedie di luce per iniziare ad esplorare la densità di amore/luce o luce/amore, quella che esprime un certo tipo di potere che è il prodotto della fusione di amore e luce in un modo equilibrato.

Pertanto, ogni cercatore individuale che desidera diventare più consapevole del proprio sentiero di vita può esplorare le possibilità di scoprire le scelte pre-incarnative attraverso la pratica meditativa in cui viene posta la domanda all'inizio di tale meditazione su come il modello di vita può essere valorizzato per diventare congruente con le scelte precedenti o pre-incarnative. Anche lo stato onirico può essere utilizzato da un tale cercatore di verità che desidera conoscere meglio i propri mezzi con cui può essere utile, in modo che l'utilizzo di messaggi dalla mente inconscia attraverso i sogni possa essere un mezzo attraverso il quale questo processo di scoperta possa essere praticato.

Suggeriamo che c'è anche la possibilità di utilizzare ciò che potreste chiamare il diario o la scrittura automatica in modo che la mente subconscia possa ancora una volta avere una strada attraverso la quale offrire pensieri che possono migliorare la comprensione del cercatore delle proprie capacità di essere di servizio e la direzione in cui sarebbe più fruttuoso muoversi al servizio degli altri e dell'Uno Creatore, che esiste in tutta la creazione e in ogni essere che cerca di essere al servizio degli altri. Poiché si è al servizio del Creatore quando si serve gli altri, poiché questo è un universo di unità e l'Uno Creatore si muove pienamente e liberamente all'interno di ogni cercatore della Verità ed è disponibile per aiutare ogni cercatore a essere consapevole del sentiero di vita più appropriato che può essere perseguito in questo particolare modello di incarnazione.

A questo punto, trasferiremmo questo contatto a colei nota come Kathy. Siamo quelli di Q'uo.

(canalizza Kathy)

Io sono Q'uo. Sono con questo strumento in questo momento. C'è una domanda, fratello mio?

Q'uo, questa domanda riguarda la speranza. La nostra storia registrata su questo pianeta, unita a ciò che la Confederazione comunica è la storia dei nostri vicini planetari esplosi, racconta la storia di una calamità dopo l'altra. Questa è una piccola raccolta di dati, ma è tutto ciò che abbiamo. Quindi, statisticamente parlando, è probabile che eventi catastrofici su larga scala si ripetano, tuttavia la Confederazione condivide sempre un messaggio di speranza. C'è un tempo per non sperare? La speranza ha mai un effetto sull'esito spirituale, o meglio, situazionale? Perché sperare?

Comprendiamo la tua domanda, fratello mio. La speranza, si potrebbe dire, è una qualità dell'anima e dello spirito. È sentita piuttosto che percepita dal pensiero o dai sensi. La speranza, possiamo dire, è un riflesso di ciò che si sente nello spirito di coloro che si trovano sul vostro pianeta. È un riflesso del tuo protendersi verso l'alto, dello spirito di una o più entità. La speranza è qualcosa che si sente profondamente nello spirito in tempi di calamità, crisi o grandi difficoltà. Ed è questo protendersi verso l'alto che lo spirito può fare per la conoscenza o la comprensione superiore della verità di ogni situazione.

Lo spirito di un'entità può percepire, attraverso la facoltà superiore della comprensione, in un modo senza parole, ma toccante, il significato di situazioni come quelle descritte dalla tua domanda. Senza metterlo in parole, si può capire a quello che potete chiamare un livello subliminale che una grande difficoltà, o crisi, potrebbe avere un ruolo nel processo collettivo di crescita delle entità sulla Terra al momento di una tale situazione.

Mentre la mente e il corpo si occupano di decisioni situazionali, affrontando i risultati di tali difficoltà, lo spirito dimora all'interno dell'entità irradiandosi sempre verso l'alto e verso l'esterno verso la vera comprensione di ciò che sta realmente accadendo, come potreste dire voi. Nella misura in cui questa comprensione può filtrare nella mente cosciente di una o più entità, è qui che nasce la speranza, dove la speranza viene trasportata attraverso tutta l'esperienza. Poiché attraverso una comprensione superiore, attraverso quella conoscenza più profonda che dimora nello spirito, la speranza può indicare la via verso la giusta azione in risposta alle difficoltà. La speranza può indicare la via verso la salvezza in un modo o nell'altro. La speranza può puntare verso il servizio agli altri.

Si potrebbe dire che la speranza è essa stessa una facoltà spirituale che sboccia nel cuore di un individuo quando è più necessaria. Lo spirito la pianterà lì nel cuore di un'entità per indicare la via da seguire, per elevare la comprensione di un'entità in modo che quell'entità possa continuare ad andare avanti, non importa quale sia la difficoltà.

La cugina della speranza è la fede. Una volta che la speranza è sentita, può nascere la fede, la compagna della speranza, perché la fede è speranza estesa a ciò che si può chiamare futuro. Fede che ci sarà un significato, uno scopo, un risultato con cui vivere, un risultato che può essere di supporto all'entità o alle entità che vivono attraverso tali situazioni. La fede è speranza proiettata verso l'alto e verso l'esterno, sempre attraverso la facoltà spirituale all'interno di ogni entità.

Attraverso queste, le entità possono ricevere un flusso di forza da dentro di sé. Questo è il ruolo che gioca la speranza. Nasce da quella conoscenza interiore e connessione interiore che ogni entità ha con il suo Creatore, indipendentemente dal fatto che un'entità sia consapevole o meno di tale connessione.

Questa risposta è sufficiente per rispondere alla domanda, fratello mio?

Sufficiente e bella, grazie Q'uo.

Grazie a te. Noi siamo quelli di Q'uo e siamo stati con questo strumento. Passiamo ora il contatto a colui noto come Gary.

(Canalizza Gary)

Noi siamo quelli che conoscete come i principali di Q'uo e salutiamo di nuovo questo cerchio più piccolo del solito attraverso questo strumento. [Noi] non vediamo l'ora di esercitare la ricezione da parte di questo strumento della nostra trasmissione e inoltro dei nostri pensieri, poiché sono trascorsi un paio di circoli dal nostro ultimo esercizio di cooperazione con questo strumento. Rendiamo gratitudine a ciascuno per la sua fedeltà, in primo luogo semplicemente nel prendersi il tempo nel fitto programma e nel liberare lo spazio nella mente occupata al solo scopo di offrire se stessi al servizio dell'Uno Infinito Creatore affinché l'amore e la luce possano, in questa particolare forma, raggiungere cercatori spirituali interessati intenti nel viaggio alla scoperta di sé.

In questo momento, vorremmo aprire questo strumento a qualsiasi richiesta disponibile.

Q'uo, abbiamo una domanda da parte di A. Egli dice: "In 5.2 Ra ha detto: 'Cominciamo con gli apprendimenti/insegnamenti mentali necessari per il contatto con l'infinito intelligente. Il prerequisito del lavoro mentale è la capacità di mantenere il silenzio del sé a uno stato stabile, quando richiesto dal sé. La mente deve essere aperta come una porta. La chiave è il silenzio. All'interno della porta si trova una costruzione gerarchica, che paragoniamo alla geografia, e in qualche modo la geografia, oops... la geometria, perché la gerarchia è abbastanza regolare nel portare interrelazioni.' Può Q'uo approfondire questa costruzione gerarchica della mente? Che aspetto ha?"

Abbiamo ricevuto la domanda da colui noto come A, e rendiamo i nostri ringraziamenti. Questa è un'area che va ben oltre la conoscenza di questo particolare strumento, quindi potremmo avere qualche difficoltà nel comunicare i nostri concetti, ma questo strumento ci permette di andare avanti ed essi confidano che sarà in grado di condividere i nostri pensieri su questo argomento.

È davvero come diceva Ra. La mente non è ciò che spesso viene percepito all'interno dell'esperienza cosciente dell'entità come, forse, uno schermo mentale su cui pensieri, o miscugli di pensieri, vanno e vengono, dove viene proiettata la memoria, [dove] la memoria assorbe l'attenzione così che è come se si rivivesse il ricordo, o si immagina uno scenario futuro in un desiderio o un'ansia tale da diventare quasi un'esperienza vissuta nel modo in cui consuma e avvolge l'attenzione. Questa è l'esperienza cosciente dell'entità e della sua mente. Ma è una piccola, diciamo, porzione nella pienezza del terreno della mente. Se uno avesse la visione che abbiamo noi, al di là del velo, al di là o nei regni dello spazio e del tempo sconosciuti alla tua esperienza presente, puoi vedere qualcosa di un mondo all'interno di un dato complesso mentale. È, diamo a questo strumento la nozione di un ologramma tridimensionale. Ha, come sa questo strumento, sebbene rimanga inadeguato alle dimensioni metafisiche della mente, le dimensioni di lunghezza, larghezza e altezza, diciamo. Questo però si fonde con aspetti temporali che non possiamo del tutto articolare con la comprensione limitata di questo strumento.

Nei mandala, come li conoscete voi, e nei frattali a modo loro, si vedono geometrie di natura ripetitiva. Questa, in un certo senso, è una di queste proprietà della mente. Porta struttura. Questa struttura è progettata in modo intelligente dall'intelligenza, ed è tenuta insieme, diciamo, e si manifesta in questi modelli di geometria. Di quali schemi consiste la mente? Questa è una funzione in evoluzione dell'entità in evoluzione. È come se la mente consistesse in un tutto inesplorato e inattivato in cui l'entità, attraverso il proprio sviluppo, inizia a irradiare diverse porzioni di luce, e così porta alla luce e attiva e rivela la sua struttura, la sua geometria e la sua geografia.

È di una vastità tale che il proprio complesso mentale può essere esplorato all'infinito, in verità, poiché la mente contiene tutte le cose. Tutte le sfaccettature dell'esperienza possono essere riflesse nella mente, e ciascuna di queste esperienze o luogo di consapevolezza nello sviluppo dell'entità, e in concomitanza con le varie attivazioni, blocchi e bilanciamenti del chakra, ha quella che si può chiamare una posizione di corollario all'interno quella geografia della mente.

Lo strumento cerca in noi di più su questa geometria all'interno del complesso mentale, forse su come esso formula o si relaziona alle forme di pensiero. E possiamo dire, dato che i vostri pensieri hanno spesso una natura ripetitiva, che c'è una sorta di legame tra quel fenomeno e i fenomeni della geometria.

Questo strumento desidera approfondire ulteriormente questo argomento, ma rimane dubbioso sulla propria capacità. Vorremmo quindi concludere tutto concentrandoci sulla prima parte della citazione di Ra riguardante il silenzio che apre la porta.

Poiché questo complesso mentale è un mondo a sé stante, puoi considerare fruttuosamente un vasto spazio interiore indescrivibile che riflette qualsiasi cosa che sembra incontrare esternamente a sé stesso e riflettente dentro di sé. E dato che questo complesso mentale è, o meglio esiste, per lo più dietro un velo, in modo tale che l'esperienza dell'entità della propria mente è velata e sconosciuta al sé cosciente, è del tutto possibile, e spesso accade all'interno della terza densità, che l'entità possa perdersi, si potrebbe dire, all'interno del proprio complesso mentale - vagando per i corridoi, aprendo ripetutamente le stesse porte interne, girando in tondo, senza afferrare l'uscita o la disponibilità del movimento ascendente o della spirale – in modo tale che l'entità è legata al tempo e allo spazio, all'ascesa e alla caduta della buona e della cattiva sorte, come la chiamereste voi, alle circostanze, alla crescita e al decadimento, ai venti mutevoli dell'opinione e dell'energia; l'entità non sta ancora riscoprendo l'eternità che sostiene tutte le cose.

Il cercatore sta invece giocando nel campo della sua mente, per così dire, proiettando tale mente verso l'esterno in un mondo di separazione, e prendendo in sé quel mondo di separazione, calcolandolo attraverso i vari modelli di pensiero che la mente produce all'infinito, ogni pensiero un frammento infinitesimale del tutto.

La mente, diciamo, è forte, rumorosa, luminosa, e sempre di fronte all'attenzione, sembra, e crea per il cercatore un'identità individuale che sia separata dal Tutto. La mente è uno strumento meraviglioso e necessario per il viaggio di individuazione e di ritorno all'Uno, ma poiché è un'esperienza, consuma e crea l'identità e nasconde il Creatore al sé.

È necessario evolvere il pensiero della mente e perfezionare i suoi modelli per utilizzare questo strumento, impegnarsi in una contemplazione profonda e premurosa sull'indagine spirituale, per sollevare la mente dai suoi solchi circolari. C'è molto, molto lavoro da fare in quel dipartimento, ed è attraverso il silenzio che il cercatore apre la porta a ciò che è oltre la mente, ciò a cui mente e corpo devono arrendersi in umile accettazione e fiducia, per ricevere, per entrare, per essere santificato e trasmutato in sacramentale, affinché il sé possa andare oltre questa macchina limitatrice che è la mente, questo dispositivo di comparazione e contrasto e categorizzazione e analisi che aiuta il ricercatore a toccare ciò che non può essere descritto né ora né mai.

E il silenzio, come descritto da quelli conosciuti come Ra, è la grande chiave. E suggeriremmo al cercatore che il cercatore si chieda, che cos'è il silenzio dentro di sé? È l'assenza di rumore esterno? È l'assenza di pensiero? È una qualità che si sente o si percepisce? È qualcosa che si crea o si coltiva? Come si entra nel silenzio? Come si dimora in silenzio? Cosa si fa, se così si può dire, del silenzio? Queste sono domande ricche di contemplazione e vorremmo incoraggiare il cercatore a mettere giù il libro e il telefono, specialmente, e a sedersi con queste domande. Ritagliatevi del tempo da quel fitto programma, senza distrazioni esterne per considerare queste domande e per mettere in pratica queste considerazioni come le applichereste.

In questo momento, trasferiremmo il nostro contatto a colui noto come Jim, con gratitudine per tutti coloro che possono ricevere le nostre parole attraverso questo circolo e a questi pochi umili strumenti che si riuniscono per ricevere e trasmettere le nostre parole. Noi siamo quelli noti a voi come Q'uo.

(Canalizza Jim)

Io sono Q'uo e sono di nuovo con questo strumento. Siamo lieti di essere stati in grado di stabilire un forte contatto attraverso ogni strumento. Riteniamo che state avanzando nell’apprendere quest'arte in un modo che sta assumendo una sorta di slancio che non solo siete in grado di servire come strumenti della filosofia della Confederazione, ma sempre di più che la filosofia impregna il vostro stesso essere e siete in grado di vivere quella filosofia giorno per giorno. Questo è l'obiettivo sperato di tutta la filosofia condivisa della Confederazione e siamo grati per la vostra continua perseveranza e dedizione a questo obiettivo. In questo momento ci congediamo da questo strumento e da questo gruppo. Vi lasciamo tutti nell'amore e nella luce dell'Uno Infinito Creatore. Siamo noti a voi come quelli di Q'uo. Adonai vasu borragus.


  1. [footnote start][footnote end]